Come calibrare un monitor

La calibrazione del colore dello schermo è uno dei passaggi di base che la maggior parte di noi dimentica o ignora di fare quando acquista un monitor per PC. E’ molto importante, soprattutto per i fotografi e gli artisti grafici. Se sei uno di questi, sai tutto sulla calibrazione del monitor. Gli altri dovrebbero continuare a leggere questo articolo.

Perché la calibrazione del display è così importante?

Un buon monitor, di quelli di ultima generazione in Ultra Hd, è costoso. Ma le sue caratteristiche migliori saranno sprecate se non si prende il tempo giusto per calibrare attentamente (e in modo intermittente) il monitor. I colori sullo schermo potrebbero non corrispondere esattamente a quello che sono realmente.

Immagina di aver realizzato un bellissimo scatto panoramico e di averlo scaricato sul tuo computer. Solo per scoprire che l’azzurro del cielo o il verde dell’erba non assomigliano a quello che hai visto attraverso il mirino ella macchinetta.

Oggi, si tratta molto di guardare film online, scattare foto digitali e condividere file di immagini. I monitor di calibrazione del colore sono importanti per avvicinarsi il più possibile alla realtà. La maggiorparte degli utenti usa i software di calibrazione del monitor predefinito, quelli integrato nel sistema operativo, altri usano software dedicati.

Che cos’è la calibrazione del monitor?

La calibrazione del monitor garantisce che l’output del colore dal monitor corrisponda a uno standard predefinito, come lo spazio cromatico sRGB o Adobe RGB, piuttosto che qualsiasi bilanciamento del colore venga visualizzato sullo schermo dopo essere uscito dalla linea di produzione. Il processo di calibrazione in realtà non altera nulla del monitor stesso, a parte impostazioni come luminosità o contrasto. 

Com’è la tua percezione del colore?

Tutto ciò che serve è un buon occhio. Fai questo rapido (ma divertente) test di sfida del colore per scoprirlo.

Inoltre, prima di iniziare la regolazione fine del monitor, segui prima queste tre regole:

  • Accendi il monitor e lascialo riscaldare per circa 30 minuti.
  • Imposta il tuo monitor alla massima risoluzione nativa dello schermo supportata.
  • Acquisisci familiarità con i controlli del display per il tuo monitor.

È inoltre possibile che nel monitor sia presente un software di calibrazione nel computer.

Windows 10 viene fornito con Windows Calibrate Display Color . È possibile accedervi da Start> Pannello di controllo> Aspetto e personalizzazione> Schermo . Oppure, cerca semplicemente dalla casella di ricerca di Cortana con una parola chiave come “calibrare”.

Su macOS Sierra, usa Display Calibrator Assistant. Puoi accedervi dal menu Apple> Preferenze di Sistema> Display> Colore> Calibra . Oppure puoi anche usare Spotlight.

La maggior parte degli utenti non ha bisogno di dipendere da strumenti di terze parti. A meno che tu non sia un fotografo professionista o un graphic designer che abbia bisogno di colori ad alta fedeltà, questi strumenti di base dovrebbero essere sufficienti.

Se vogliamo fare un passo avanti e calibrare meglio il nostro monitor possiamo usare un sito online, LAGOM, le cui pagine di test del monitor LCD rappresentano un set di strumenti molto completo. Il sito include una serie di modelli di test che iniziano dal bilanciamento del contrasto al controllo dei tempi di risposta del monitor. Si consiglia di eseguire i test nell’ordine in cui sono stati posizionati.

Ad esempio, utilizzare le prime immagini per verificare la luminosità, il contrasto e la nitidezza. Con quelli impostati, utilizzare un secondo test come ” Angolo di visione ” per vedere se il display cambia luminosità o colori negli angoli.

Per un principiante, potrebbe sembrare difficile. Ma i modelli di test vengono forniti con spiegazioni utili. Lo sviluppatore afferma inoltre che è possibile inserire le immagini su un’unità USB e provarle nel negozio di computer quando si acquista un monitor LCD. È incluso un download di file ZIP da 100 KB.